Ricasoli – Chianti Classico Gran Selezione Colledilà – 2018

Ci troviamo nel Cru di Monte Morello, in zona sud/ovest, con uve 100% Sangiovese provenienti dal vigneto Colledilà. Quest’area è caratterizzata da un suolo molto pietroso composto da argilla-calcare, conosciuto come Alberese, che lo rende molto compatto e duro. Dopo una meticolosa selezione a mano delle uve migliori, esse vengono fatte fermentare e macerare in acciaio sulle bucce per 14-16 giorni. L’affinamento viene fatto per circa 22 mesi in tonneau di primo e secondo passaggio, prima di essere imbottigliato e lasciato riposare per il tempo necessario. Nonostante il 2018 sia stata un’annata complicata per il clima, troviamo un composto di armonia e complessità, ricco di profumi di frutta rossa, con un tannino persistente nel finale. Questo vino è frutto di un gran equilibrio nel segno della qualità.

  • Produttore: Ricasoli
  • Nome: Chianti Classico Gran selezione Colledilà
  • Vitigno: 100% Sangiovese
  • Anno: 2018
  • Gradazione: 13,5%
  • Formato: 750ml
  • Produzione: 12000 bottiglie

Note Produttive: Le uve vengono diraspate e trasferite per gravità in vasche d’acciaio tronconiche da 100 litri con l’aggiunta di lieviti selezionati. Segue una fermentazione a temperatura controllata con follature giornaliere e la macerazione sulle bucce per 14-16 giorni. Poi affinamento in tonneau da 100 hl, di cui 30% nuovi e 70% di secondo passaggio, per 22 mesi.

Il vino contiene naturalmente solfiti

58,00

2 disponibili

Descrizione

Una parte della storia del vino italiano e mondiale si può riassumere in due semplici parole: Barone Ricasoli. La storia di questa gloriosa famiglia risale addirittura al 1141, quando testimonianze scritte ne attestavano già l’insediamento nel castello di Brolio, a Gaiole in Chianti, nel cuore della Toscana. Nel corso dei secoli il loro nome si è legato indissolubilmente al mondo del vino. Fu con la figura del Barone Bettino Ricasoli nell’800 che si scrisse la storia, in quanto riconobbe nell’uva Sangiovese la base della formula per la produzione dei vini del Chianti. Grazie all’attuale proprietario Francesco Ricasoli, dal 1993 si introdusse per la prima volta la “Zonazione”, ossia la classificazione dei terreni in Cru, assieme a studi e sperimentazioni sui vari tipi di suolo, conducendo l’attività verso nuove sfide. L’azienda comprende circa 1200 ettari di proprietà, di cui 240 a vigneto, ed è una delle più antiche cantine a conduzione famigliare del mondo. La loro filosofia è basata sulla Ricerca continua della qualità, attraverso la selezione e le rese basse, del biotipo di Sangiovese di Brolio, il tutto in un ambiente ecosostenibile che ne fa da contorno per farlo esprimere al massimo potenziale. Le vinificazioni vengono fatte in piccoli tini d’acciaio, separati per ciascun vigneto, con delicate follature per estrarre le sostanze nobili dalle bucce. Gli affinamenti vengono fatti in botti di varie dimensioni, a seconda del prodotto desiderato, seguiti da lunghi affinamenti in bottiglia. Un millennio di storia fatto di costanza e passione dove passato e futuro sono coniugati da una tradizione gloriosa.

Ti potrebbe interessare…