Allegrini – Valpolicella Superiore – 2019

Da sempre uno dei vini più classici del Veneto, nasce dal blend di uve autoctone 75% Corvina, 25% Rondinella e 5% Oseleta dove esse provengono dal comune di Fumane, nella Valpolicella Classica conosciuta come la zona più vocata. Con vitigni di 32 anni che poggiano su terreni calcarei/argillosi ben drenati le uve vengono raccolte a mano e fatte fermentare in acciaio per 9 giorni. La malolattica e l’affinamento proseguono in botti per 12 mesi sia in barrique che botti grandi di Slavonia prima dell’imbottigliamento. Il risultato è un vino che rispecchia la sua zona d’origine, profumi di frutta rossa che si evolvono in spezia dotato di buona struttura e beva con finale lungo e persistente. Un buon modo per iniziare a conoscere questo splendido luogo.

  • Produttore: Allegrini
  • Nome: Valpolicella Superiore
  • Vitigno: 75%Corvina, 25%Rondinella, 5%Oseleta
  • Anno: 2019
  • Gradazione: 13,5%
  • Formato: 750ml

Note Produttive: fermentazione in acciaio con affinamento di 12 mesi tra barrique di Allier e botti grandi di Slavonia.

Il vino contiene naturalmente solfiti

21,00

2 disponibili

Descrizione

Una storia secolare quella della famiglia Allegrini in uno dei panorami più sensazionali come la Valpolicella. Già il nome sta a significare “La valle delle molte cantine” a cavallo tra il lago di Garda e Verona, con paesaggi ricchi di corsi d’acqua e terreni calcarei in cui troviamo uve e tecniche di vinificazioni uniche che danno vita a vini iconici come l’Amarone e il Recioto. Dal XVI secolo si trovano a Fumane dedicandosi dagli albori alla coltivazione e produzione di vino, la vera attività inizia però con Giovanni Allegrini, vero amante del suo lavoro col solo obiettivo di trasmettere l’essenza dei suoi vini “da una botte all’altra”. La svolta avviene con i figli Franco e Marilisa che seguendo le orme del padre, in completa sinergia migliorano l’intero sistema produttivo affermandosi ed espandendosi a livello internazionale. Ad oggi possiedono più di 100 ettari di proprietà nel cuore della Valpolicella Classica divisi in vari comuni, in cui coltivano sia le varietà autoctone e storiche della regione come Corvina, Corvinone e Rondinella sia vitigni alloctoni come Merlot e Cabernet Sauvignon con nuovi sistemi di allevamento. Cimentandosi in nuove sfide dettate allo scopo della perfezione qualitativa hanno unito lo stile tradizionale a tecniche d’avanguardia dal processo di vinificazione con l’introduzione delle barrique, passando per la diminuzione del periodo d’invecchiamento fino alla tecnica del Ripasso e dell’appassimento delle uve. Un insieme di fattori che ne hanno fatto una cantina portabandiera del Veneto dove ora bere uno dei loro vini non è solo un’esperienza ma un’autentica garanzia.

Ti potrebbe interessare…